19a FONDO LEOPARDIANA
prestigioKS iscriviti subitoks-subito-bannertop-170x150Marche Marathon 2018

Fiordomo: "A settembre appuntamento con la poesia del ciclismo in una Recanati restituita al suo antico splendore"

Recanati (Macerata) - Nel territorio di Recanati la natura è rimasta intatta, ha conservato il suo fascino. Una storia millenaria che rievoca nell’osservatore battaglie con cavalieri dalle armature lucenti, la vita e le opere di Giacomo Leopardi, il suo travaglio interiore, le note del tenore e attore Beniamino Gigli, la costruzione di opere architettoniche frutto dell’abilità dei più noti artisti del passato.

Il tremendo sisma dell’ottobre 2016 ha “ferito” alcune di queste opere e dei luoghi più noti della città natale di Giacomo Leopardi, come le mura del luogo che ha ispirato l’idillio più noto di Leopardi, il Colle dell’Infinito e il palazzo comunale.

Il pessimismo cosmico leopardiano (nel quale il poeta attribuisce alla società moderna la colpa dell’infelicità umana, assolvendo completamente la natura) lascia spazio alla poesia immaginosa degli antichi, i quali davano vita alla natura e riscaldavano il cuore dell’uomo, liberandolo dalla noia e dai cattivi pensieri.

Francesco Fiordomo sindaco di Recanati, sceglie invece la poesia sentimentale (la poesia non può sottrarsi alla vita, non può limitarsi a evocare le belle favole o a suscitare amabili illusioni) per illustrare l’attuale situazione della città che domenica 16 settembre ospiterà la ventunesima Gran Fondo Leopardiana, ultima prova del circuito Marche Marathon.

“Proprio in questi giorni si è concluso il restauro conservativo delle mura di Porta Romana, già presenti nella cerchia muraria della città in epoca medievale. E’ stato presentato il progetto per la gestione e valorizzazione dei beni culturali e delle politiche del turismo, proprio dal suo colle estremamente evocativo e rappresentativo nell’immaginario collettivo. Ho pubblicato in anteprima le foto del nuovo assetto architettonico del Parco del Colle dell’Infinito sul Monte Tabor, un progetto innovativo per la città di Recanati che fa leva sulla sua forte identità legata all’arte, alla poesia e alla musica.

Aumentano del 57% i turisti che scelgono di soggiornare a Recanati più giorni. È sempre più una presenza attenta e di qualità quella che i dati dell’Osservatorio Regionale del Turismo registrano a Recanati. Al mordi e fuggi si sta sostituendo quel turismo ricercato da tempo. L'aumento vertiginoso degli ultimi anni non è solo certificato dai dati che le strutture ricettive inviano regolarmente alla Regione, ma riguarda anche gli accessi al Punto di Informazione Turistica e le presenze ai Musei. Dati molto positivi! Siamo sulla strada giusta. Recanati continuerà ad essere al centro di eventi nazionali che sicuramente renderanno ancora più consistenti questi dati. Uno di questi è sicuramente la Gran Fondo Leopardiana. Un evento che grazie alla competenza e passione di Agostino Nina e i dirigenti della Ciclo Club Recanati ha saputo interpretare in chiave moderna e dinamica l’attrattiva che riesce ad esprimere il ciclismo per far scoprire la città a coloro che vivono in altre regioni e soprattutto a coinvolgere la cittadinanza”.

-        - La ventunesima edizione della Gran Fondo Leopardiana è dunque un evento ciclistico dedicato sempre più alle famiglie

“Esatto, il nostro obiettivo è quello di coinvolgere il maggior numero di appassionati di ciclismo e le loro famiglie offrendo proposte turistiche articolate in più giorni per conoscere la nostra città, ma anche l’entroterra e il mare. Attraverso la nuova organizzazione museale Sistema Musei verranno proposti ai partecipanti e familiari viste guidate alla città e ai musei. Offriremo la Recanati Card che consente l’ingresso al Museo Civico di Villa Colloredo Mels che sino all’8 aprile ospiterà la mostra Lorenzo Lotto dialoga con Giacomo Leopardi, curata da Vittorio Sgarbi, che mette in rapporto due anime inquiete e di grande sensibilità, il Museo dell’Emigrazione marchigiana e il Museo Beniamino Gigli. Mancano ancora otto mesi alla Gran Fondo è dunque prematuro in questo momento poter presentare un calendario di iniziative a sostegno dell’evento e aperte a tutta la cittadinanza. Posso solo anticipare che insieme ad Agostino Nina e ai dirigenti del sodalizio da lui presieduto riusciremo a coinvolgere con numerose iniziative gli appassionati e i recanatesi”


fondoleopardiana-w200
MANCANO
 

anima-200-120eleven-200-120finish-line-200-120fsa-200-120jagwire-200-120maxxis-200-120Tacx-200-120bici clubfotoravenna